RACCONTANDOMI.............

IL 31-07-1951, IN UN PAESE IN PROVINCIA DI (UD) ....IL PAESE STELLATO PALMANOVA, SI CHIAMA COSI PERCHè VISTO DALL'ALTO è A FORMA DI STELLA, NAQUI IO ME!!!:-)))))) E SICOME I MIEI GENITORI ABITAVANO A FIUMICELLO, MIA MADRE DOVETTE ANDARE A PARTORIRE A PALMANOVA, IN CORIERA ....TANTO CHE PER UN PELO NON NASCEVO IN CORIERA(ECCO LA MIA PASSIONE PER I MOTORI!!!!!!!!!:-)

A PARTE QUESTO, CI SIAM TRASFERITI A GORIZIA QUANDO ALL'INCIRCA AVEVO 4/5 ANNI, E LI SIAM RIMASTI! SU DI ME CI SAREBBERO TROPPE COSE DA RACCONTARE, TRA QUESTE MOLTE NEGATIVE, QUINDI LASCIAMO INDIETRO I COLLEGGI GLI AMICI SBAGLIATI ETC ETC LA MIA INFANZIA NON è STATA ROSEA, L'UNICA COSA "BELLA" CHE RICORDO ERA IL COLLEGGIO PER 4 LUNGHI ANNI A SAPPADA (BL) DOVE HO FATTO LA QUINTA ELEMENTARE E BASTA, IL RESTO è TUTTO MADE IN AUTODIDATTA !

ILMIO LAVORO.....DATO CHE HO DOVUTO RIMBOCCARMI LE MANICHE A 14/15 ANNI è MURATORE PIASTRELLISTA CHE ALL'EPOCA DOVEVI RUBARE AI "MAESTRI INVIDIOSI DI INSEGNARTELO" FORTUNATAMENTE IL PIASTRELLISTA L'HO IMPARATO DA UN GRANDE!!!!!!!!!!!!! MIO FRATELLO, CHE A DETTA DI MOLTI ERA IL MIGLIORE! UN 'ALTRA STORIA DA NON RICORDARE è L'ALCOL, CHE OLTRE A DANNEGGIARMI FISICAMENTE MI PORTO NON POCHI GUAI, MA COME DETTO LASCIAMO INDIETRO QUESTE COSE ALTRIMENTI CI VORREBBE UN LIBBRO!!!

VERSO I 16 ANNI HO INNIZIATO A FARE PUGILATO, MI RICORDO CHE ALL'EPOCA (QUANDO ANCORA NON ESISTEVA L'UNIONE GINNASTICA GORIZIANA) CI SI ALLENAVA ALLA SERA IN UN PANIFICIO DOVE SPOSTANDO I VARI MACCHINARI, CI SI POTEVA ALLENARE....CHE TEMPI! POI FINALMENTE NAQUE UN REPARTO CON TANTO DI RING REGOLAMENTARE , ALL'UNIONE GINNASTICA GORIZIANA, DOVE ERA TUTTO PIU SERIO E ALL'EPOCA VENIVA AD ALLENARSI(ANCHE PRENDENDOLE:-) NINO BENVENUTI DA TRIESTE!QUELLO SPORT MI PIACEVA PERò SENTIVO CHE I MOTORI LE GARE LE COMPETIZIONI ....GRIDAVANO PIU FORTE ! E LE MOTO ERANO SEMPRE STATE LA MIA PRINCIPALE PASSIONE , SOLO CHE I COSTI ERANO ALTI! MA ASSIEME AL MIO MIGLIORE AMICO DI ALLORA E DI ADESSO(ANCHE SE NON CI VEDIAMO) FU MICHELE MARASSI CHE MI AIUTò NON POCO DATO CHE LUI GIA GAREGGIAVA!!! MI RICORDERò SEMPRE LE PRIME GARE....UN MONDO MERAVIGLIOSO ANCHE SE UN TANTINO PERICOLOSO, SPECE CON MOTO DELL'EPOCA, MA I RISULTATI NON TARDARONO A VENIRE!! POI DOPO UNA CADUTA CON NON POCHI DANNI(FRATTURA COLONNA CERVICALE) DECISI DI PRENDERE UNA PAUSA...........PAUSA CHE DURò 30 ANNI:-( PERCHE COME DETTO L'ALCOL E CATTIVI ELEMENTI PREVALSERO! MI TIRAI FUORI DA ENTRAMBI 18/19 ANNI FA, QUANDO MI MANCO IL MIO AUGUSTO DAOLIOPER POI RIPRENDERE LE GARE SENZA MAI ESSER ANDATO A VEDERNE UNA IN 30 ANNI, COMINCIAI SENZA GRANDI PRETESE NEL 2000/2001 ALLA VENERANDA ETà DI 50 ANNI, SENZA MAI AVER PROVATO LE MOTO DI ADESSO CHE PRATICAMENTE SON DEI MISSILI! BHè PER FARLA BREVE IL VECCHIETTO SCOPRI 2 COSE: 1 CHE LA RESISTENZA DI 7 ORE DI GARA C'ERA! E 2 CHE A FINE STAGIONE MI SON RITROVATO QUINTO NEL CAMPIONATO REGIONALE DI ENDURO! NON MALE , E PENSO DI FARE ANCORA QUALCOSA SOLDI PERMETTENDI:-(

COME DETTO SMISI DI BERE ALLA MORTE DI AUGUSTO DUE GIORNI DOPO IL SUO FUNERALE, CHE PER ME ERA COME UN FRATELLO MAGGIORE, DATO CHE SIAM ENTRATI SUBITO IN SINTONIA TANTE ERAN LE COSE CHE CI ACCUMUNAVA, LA POCA VOGLIA DI STAR A SCUOLA IL DISEGNO(SEMPRE DA AUTODIDATTI) LA PESCA LE MOTO LE BELLE DONNE E LA COMPAGNIA DAVANTI UN BUON VINO E UN ALTRETTANTO BUON SALAME! INSOMMA PER ME ERA UN FRATELLO MAGGIORE DI 4 ANNI, E ANCHE SE NON AVREBBE FATTO PARTE DEI NOMADI SON SICURO CHE L'AMICIZIA TRA NOI SAREBBE STATA UGUALE! IO I NOMADI LI CONOBBI FINE ANNI 60 INNIZIO ANNI 70 IN UN PAESINO VICINO A CORTINA D'AMPEZZO, E DA LI TRA I VARI COMPLESSI DI ALLORA SCELSI I NOMADI, PERCHè IL LORO LIDER ERA QUELLO CHE A ME PIACEVA DI PIU, NON SI SAPEVA MAI COSA COMBINAVA SUL PALCO DELLE SAGRE PAESANE!!!!:-) OGGI VEDO CHE TUTTO QUELLO CHE LUI HA TRACCIATO è ANDATO IN FUMO.....COME PUO UNO ANDARE A VEDERE I NOMADI(PARLO X ME) SAPENDO CHE NON SON PIU UNA BEND MA UNA AZIENDA GESTITA DA BEPPE E ALTRI CHE GIRONZANO INTORNO COME AVVOLTOI! NON SON QUESTI I MIEI NOMADI! TANTOPIU CHE IN UN LORO SITO UFFICIALE QUANDO CHIEDO COME MAI NON C'è UN POSTICINO PER AUGUSTO E DANTE....LEGGENDO CHE SON IO VENGO PUNTUALMENTE CANCELLATO! SE QUESTO è LO SPIRITO NOMADE .....NON MI RIGUARDA PIU CON DISPIACERE DEI ATTUALI COMPONENTI DI OGGI, MA IO SON FATTO COSI! HO VISTO TROPPA INGIUSTIZIA VERSO AUGUSTO! ED ERA TROPPO TEMPO MESSO IN OMBRA SE NON PER RICORDARLO IN CERTI EVENTI, NON SI FA COSI! GENTE CHE NELL'AMBITO DEI NOMADI CHE GLI STO SU LE BALLE CE NE SONO A IOSA, COME PURE DA FASTIDIO QUESTO MIO PICCOLO SITO,MA IO TIRO DRITTO PER LA MIA STRADA VEDENDO MOLTA FALSITà E AVIDITà DI DENARO, PER NON DIRE GLI ORDINI IMPARTITI DA MISTER BEPPE E COMPANY, SOLO CHE NEL MIO SITO NON LA SPUNTANO, CI HANNO PROVATO MA HAIME DEVONO RASSEGNARSI!

IN SINTESI DICIAMO CHE QUESTO è GIUSTO UN Pò DI ME......DIMENTICAVO LA CONOSCENZA DI CLAUDIO DAOLIO AIDA SATTA FLORES PUPI AVATI.......E I MIEI NOMADI DI UN TEMPO GPL CHRIS ED AMOS, DEVO A QUEST'ULTIMO SE HO DEI FILMATI PARTICOLARI E A CLAUDIO DAOLIO PER LE FOTO DI AGO DA GIOVANE CON MAMMA NERINA E PAPà BRUNO!

ECCO QUESTO BASTA PER FARMI FELICE PERCHE CON QUESTO PICCOLO SITO E CON LA FORZA DI CHI CI VIENE SIAM RIUSCITI AD ADOTTARE CONSUELO GRAZIE APPUNTO A TUTTI GLI OSPITI DEL SITO, CHE HANNO CREDUTO IN ME, E QUEST'ANNO ASSIEME A LORO CI SON ALTRI AMICI DI FACEBOOK CHE CI STANNO DANDO UNA MANO!! PER ME QUESTO è UN PICCOLO GESTO CHE CI FA ONORE A TUTTI QUELLI CHE SE PUR NON CONOSCENDOMI DI PERSONA, HANNO CREDUTO IN ME, E LA FOTO DI CONSUELO CHE MAN MANO CHE PASSA IL TEMO è SEMPRE PIU DECENTE, NON PUO CHE FARCI PIACERE A TUTTI NOI CHE L'ABBIAMO PRESA SOTTO LA NOSTRA PROTEZIONE! UN GRAZIE DI CUORE A TUTTI E TUTTE VOI DAVVERO CON IL CUORE SIETE UNICI!!!!!!! CIAOOO UN ABBRACCIO A TUTTE E TUTTI CON AUGUSTO NEL CUORE!!!!!!!!!!!!!!!!!! CARLOKTM

GRAZIE DI TUTTO PAOLO GORIZIA NON  TI DIMENTICA!
GRAZIE DI TUTTO PAOLO GORIZIA NON TI DIMENTICA!

Chi è Paolo

Paolo nasce il 21 agosto del 1970 a Lucinico(go),da padre ferroviere,un vero gigante per peso ed altezza,e da madre invece “minuta”.
Vidoz muove i primi passi nel pugilato sotto la guida del maestro Bruno Piccotti dell’Unione Pugilistica Goriziana. Esordisce da novizio nel 1988, iniziando una lunga carriera da dilettante che durerà 10 anni e lo vedrà vincere per 6 volte il titolo italiano dei supermassimi, una medaglia d’argento ai campionati Europei, due medaglie di bronzo ai Mondiali, l’oro ai giochi del Mediterraneo, i prestigiosi Goodwill Games di New York e la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Sydney del 2000.

Paolo Vidoz da dilettante:

1990: 3° Campionati Italiani pesi massimi.
1991: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1992: 2° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1993: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1994: 3° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1995: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1996: Ottavi di finale Olimpiadi di Atlanta pesi supermassimi.
1996-1997: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
1997: 1° Giochi del Mediterraneo pesi supermassimi.
1997: 3° Campionati Mondiali pesi supermassimi.
1998: Finale Campionati Italiani pesi supermassimi (il titolo resta vacante per forfeit dell’avversario).
1998: 1° Goodwill Games pesi supermassimi.
1999: 3° Campionati Mondiali pesi supermassimi.
1999: 1° Campionati Italiani pesi supermassimi.
2000: 2° Campionati Europei pesi supermassimi.
2000: Medaglia di bronzo Olimpiadi di Sydney pesi supermassimi

A Sydney, il 23-9-2000 Vidoz affronta negli ottavi di finale lo statunitense Calvin Brock. Il goriziano gli infligge una standing eight count, lo costringe al tappeto nella terza ripresa con un gancio al fegato e lo ferma per TKO nel 4° tempo grazie alla regola dei 15 punti (21-5).
Nei quarti di finale, il 29-9-2000 l’avversario è il nigeriano Samuel Peter. Peter è attualmente un top contender tra i pesi massimi professionisti, è dotato di enorme potenza in entrambe le braccia ed è un ottimo incassatore. Vidoz vince ai punti (14-3)
In semifinale Vidoz affronta il britannico Audley Harrison. Harrison vince nettamente l’incontro ai punti (32-16) e concluderà successivamente l’olimpiade vincendo la medaglia d’oro. Vidoz con la sconfitta si ferma al bronzo, riportanto comunque una medaglia al pugilato italiano che non ne conquistava dal 1988 (Giovanni Parisi, oro nei piuma).
a fine incontro paolo e’ una maschera di sangue con naso e zigomi fratturati,questo portera’ sua madre a scrivere una lettera sul giornale IL PICCOLO in cui manifesta la sua contrarieta’ a paolo di vederlo svolgere questo sport,in cui secondo lei ci si fa solo del male…….
Questa lettera dara’ piu’ fama a Paolo che la vittoria del bronzo!!!

Carriera professionistica (Paolo tenta la fortuna in America)
Il suo primo match da professionista si tenne al Madison Square Garden il 27 gennaio del 2001 ( W KO1). Dopo una serie positiva di vittorie contro collaudatori americani subisce la prima sconfitta in carriera contro il journeyman Zuri Lawrence, pugile difficile ed elusivo che in passato ha battuto anche il top-contender Jameel McCline.

La risalita
Tornato in Italia, combatte in riunioni di basso profilo fino a quando, il 9 ottobre del 2004, accetta di affrontare con 16 giorni di preavviso l’imbattuto gigante russo Nikolai Valuev (2.13m, 148 kg.). Durante il 3° round subisce la frattura della mascella che lo condizionerà nel proseguo dell’incontro fino alla sconfitta per TKO subita nella 9° ripresa. Si rende necessaria un’operazione chirurgica al Policlinico di Udine e l’inserimento di una placca di titanio per ridurre la frattura. In seguito all’operazione Vidoz sceglie di cambiare il suo soprannome nel pittoresco “Titanium Jaw” (mascella di titanio).

Nel giugno del 2005, lo sfidante al titolo Europeo dei pesi massimi Michael Sprott è costretto a rinunciare all’incontro che avrebbe dovuto disputare 5 giorni dopo contro il tedesco Timo Hoffmann a causa di un’intossicazione alimentare. Vidoz viene contattato dal promoter tedesco Sauerland e accetta di sostituire l’inglese con 5 giorni di preavviso.

L’ 11 giugno 2005 Vidoz vince l’incontro diventando così campione Europeo dei pesi massimi, capitalizzando intelligentemente il vantaggio accumulato nella prima metà dell’incontro (mettendo a segno anche un knockdown nella sesta ripresa) dando prova di ottima tecnica, buone combinazioni gancio al corpo-montante, una pregevole cross-defence e gran cuore. Il verdetto, complice il fattore campo, è di SD (115-112, 113-115, 114-113).

Dopo una difesa del titolo contro il britannico Michael Sprott(vittoria ai punti), Vidoz si riconferma campione europeo il 28 gennaio 2006 battendo ai punti per decisione unanime il tedesco Cengiz Koc.

Situazione odierna
In marzo Vidoz firma un contratto con la Sauerland Event e per la sua terza difesa del titolo Europeo, comincia un curioso balletto di designazioni da parte dell’EBU (European Boxing Union): il mandatory challenger Luan Krasniqi rifiuta la possibilità, seguito a ruota da Sinan Samil Sam e da Danny Williams. La posizione di sfidante ufficiale viene così occupata da Vladimir Virchis, un pericoloso picchiatore ucraino sotto contratto con la Spotlight, la costola della Universum di proprietà del suocero del promoter Klaus Peter Kohl. Virchis, del tutto improponibile sotto il profilo tecnico, compensa con una potenza impressionante, una notevole struttura fisica ed eccezionale tenuta dei colpi.

Il termine ultimo per la trattativa privata è il 16 maggio 2006. Al momento dell’asta, Sauerland offre una ridicola cifra e l’incontro viene così aggiudicato alla Spotlight che lo inserisce nella riunione di Amburgo del 15 luglio 2006, relegandolo agli incontri del tardo pomeriggio a contorno del main event “Sturm-Castillejo”.

L’incontro, che nessuna emittente televisiva italiana si preoccupa di acquistare (verrà trasmesso per intero da Eurosport la settimna successiva), vede un sostanziale equilibro fino alla sesta ripresa quando Vidoz, intento a schivare sul tronco con il sinistro basso aderente al corpo, viene raggiunto da un micidiale corto destro dell’ucraino. Durante la caduta il goriziano subisce un infortunio al ginocchio ( successivamente si scopre anche una sospetta lesione al timpano). L’esperto belga Van De Wiele comincia la conta, Vidoz prova ad alzarsi e ci riesce, ma è in piedi proprio mentre l’arbitro decreta l’out.(Virchis KO6 Paolo Vidoz.)

Passato sotto la gestione del manager Sergio Cavallari, Vidoz firma nel febbraio 2007 per una rivincita con Virchis, da effettuarsi il 19 maggio 2007 ad Amburgo, in palio ci sarà ancora il titolo Europeo.

Informazioni generali
Allenato dal grande Sumbu Kalamaby, (campione mondiale dei pesi medi degli anni ‘80), suo sparring-parther e’ un suo amico che non ha mai praticato boxe a livelli profossionistici ,assistito e sostenuto in tutto e per tutto dalla moglie Monica(ex calciatrice di buon livello), che ha lasciato per lui anche il suo lavoro di insegnante-ceramista,Vidoz si allena in casa,nella palestra ricavata sotto casa sua ed allestita di tutto il necesserio con amici.

Paolo Vidoz e’ l’unico puglie che si puo’ davvero definire:  “fatto in casa”!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

GRANDE PAOLONE!!!!!:-))))
GRANDE PAOLONE!!!!!:-))))

UN DOVEROSO PENSIERO ANCHE A PAOLO VIDOZ, CHE CON TANTI PUGILI SFORNATI IN FRIULI, LO CONSIDERO IL PIU GENEROSO E LEALE PUGILE MASSIMO! RICORDANDO LUI RICORDO ANCHE SEBASTIANO STOGIA, CHE A GORIZIA HA DATO MOLTO, UN VERO PICCHIATORE CHE DEMOLIVA GLI AVERSARI IN POCHI SECONDI! E TANTI ALTRI CHE RIMANGONO NELLA STORIA DEL PUGILATO GORIZIANO E FRIULANO E MONDIALE.....BENVENUTI  DUILIO LOI ILMITICO CARNERA, E TANTI TANTI ALTRIGRANDIIIIIIIIIIIII CIAOOO CARLOKTM

IL MIO AMICO E GRANDE UOMO IN TUTTI I SENSI, CHIAMATO ANCHE IL RE DELL'ENDURO! SIAMO IN CORRISPONDENZA IO E LUI, MA QUEL CHE CONTA è CHE è SEMPRE RIMASTO UMILE ANCHE SE ERA ED è IMBATTIBILE!!!! RESPONSABILE DELLA KTM E SEMPRE UN CAMPIONE SIA NELL'ENDURO CHE NELLA VITA!!!!!!!!!!!!

 

GIO SALA

6 TITOLI MONDIALI

13 CAMPIONATI D'ITALIA

3 SEI GIORNI ASSOLUTI

4 TROFEI NELLA SEI GIORNI

E VARIE GARE STRAVINTE SEMPRE DAL MITICO GIO SALA!

 

LE NOSTRE CORRISPONDENZE:-))))))))))

 

Auguri anche a te, e che il 2011 sia strepitoso!!
Oggi finalmente si parte, son 4 giorni ch siamo in Buoens aires per preliminari e vari senza niente di interessant. 
Ciao, Gio. 
Da: "bellancarlo" bellancarlo@libero.it
A: "Giovanni Sala" giosala@giosala.com
Cc:
Data: Fri, 31 Dec 2010 20:19:13 +0100
Oggetto: Re:

> AUGURI GRANDE GIO UN ABBRACCIONE CARLOKTM:-)
----- Original Message -----
Sent: Tuesday, September 21, 2010 8:42 AM
Subject: Re:
>
> Carlo !
> Nessun problema per il video, anzi, mentre per la maglia è un problema perchè come al solito me ne danno poche e tra importatori che mi invitano, meccanici e tecnici della Kym e vari, non ho a sufficienza maglie per accontentare tutti, spero tu capisca!
> A presto,
> Gio.
----- Original Message -----
From: bellancarlo
Sent: Monday, September 20, 2010 8:01 PM
Subject: Re:
>
> ciaooo grande GIO :-)
> ti capisco non preocuparti immaginavo che avevo scritto in un periodo dove di impegni non ti mancano, io come ti ho detto appena fatto il sito, ho provato assieme ai miei ospiti ad adottare una bimba di santo domingo, è andata bene gioooooooooo!!:-)  e siamo tutti orgogliosi, spero solo che anche per il prossimo anno di continuare cosi!! mi son permesso di mettere il video dove sei tu in Mauritania spero non ti dispiace, pensa che il sito per il mio AUGUSTO DAOLIO l'ho aperto in aprile e son gia 2500 visite!!!!! con tante gnocche!!!:-))) se puoi e se ce l'hai mandami una tua magliettaaaaa se non vuoi pazienza sei sempre il mio grande GIO!!!!!!! CIAOOOO UN ABBRACCIONEEEEEE CARLOKTM
> bellan carlo v. montenero 50
> 34170 gorizia
>  
>  
----- Original Message -----
Sent: Sunday, September 19, 2010 10:42 PM
Subject: Re:
>
> Ciao Carlo,
> scusa il ritardo nella risposta ma ho avuto un periodo di viaggi tra messico, grecia, turchia....e sud africa che mi son dedicato poco a pc e mail, ma ora eccomi.
> HO visitato il sito ma visto e considerato come sono imbranato con il pc, non son stato capace di vedere e scrivere, inoltre considera che a casa mia entrare e visitare i vari siti mi ci vuole un casino di tempo perchè la linea veloce adsl non arriva quindi immagina che palle stare ad aspettare l'apertura delle pagine, ma magari ritento dalla casa di un'amico e vediamo.
> Ok un caro saluto e complimenti per la bella iniziativa.
> A presto, Gio.
----- Original Message -----
From: bellancarlo
Sent: Saturday, August 07, 2010 6:04 PM
>
> ciaooooo grande GIO!
> SON CARLO QUEL "VECCHIETTO " ENDURISTA:-) ANZI REGOLARISTA CON DISCRIMINANTI E MULATTIERE:-)  volevo dirti (quando trovi un attimo di tempo) se puoi passare dal mio sito dedicato ad AUGUSTO DAOLIO lider dei nomadi, che ho messo su io e ho messo anche il video dove ci sei tu che mostri il villaggio che tu aiuti assieme al gruppo di alpini, ho pochi soldi ma grazie ai ospiti del sito, siam riusciti ad adottare a distanza(santo domingo ) la nostra consuelo e ne siamo orgogliosi!!!! ciaoooo GIO quando passi per la lascia uno scrittooo che tanti non credono che ci siam scritti:-( un abbraccione con affetto carlo ktm:-)
> http://amicidiaugustodaolio.jimdo.com/  ciaooooooooooooooooooooooo "vecio" :-)

CIAO MARCO! UN GRAZIE DI TUTTO !

pubblicata da Carlo Bellan il giorno domenica 23 ottobre 2011 alle ore 11.40

Marco Simoncelli

Sono nato a Cattolica il 20/01/1987. I miei genitori avevano una gelateria, e mio babbo una grande passione per le moto e per le corse. Così la mia infanzia l'ho passata tra gelati e motori! A 4 anni per Natale i miei mi hanno regalato la mia prima motorina, una Suzuki 50 minicross. E così ho iniziato a sgasare nei campi intorno a casa. Con le minimoto sono andato le prime volte quando avevo più o meno 7 anni e a 9 ho corso la mia prima gara ufficiale di Campionato regionale. Fino a 13 anni ho girato con le minimoto costruite dal babbo di Mattia Pasini vincendo 2 Campionati Italiani, nel 1999 e nel 2000. Sempre nel 2000 ho provato per la prima volta una 125 da Gran Premio e l'anno seguente ho disputato il Trofeo Honda 125GP e il Campionato 125GP con il team di Massimo Matteoni in sella ad una Honda. Fu una stagione ricca di cadute nella prima parte, ma di ottimi risultati nella seconda. In classifica terminai 9° sia nel Trofeo che nell'Italiano. Nel 2002 a 15 anni ho disputato il Campionato Europeo 125 sempre nel team Matteoni, ma questa volta con una Aprilia. Vinsi il Campionato debuttando allo stesso tempo nel Campionato del Mondo (Gran Premio dellaRepubblica Ceca), per sostituire il pilota Jaroslav Hules nelle ultime 5 gare. Nel 2003 ho partecipato alla mia prima stagione iridata completa, solito Team Matteoni e solita Aprilia 125. Terminai la stagione al 21° posto ed il miglior risultato fu un 4° nell'ultimo Gran Premio della stagione. Nel 2004 cambiai team, passando al team di Fiorenzo Caponera, e proprio in quell'anno feci la mia prima Pole Position vincendo la mia Prima Gara di campionato del Mondo. Eravamo a Jerez sotto un diluvio universale e per la prima volta l'inno italiano suonava per me. In quell'anno ci furono diversi alti e bassi e persi le ultime 2 gare per un infortunio. Finii 11° in classifica generale. Il 2005 è stato il mio ultimo anno in 125 e anche il migliore. In quell'anno vinsi una gara, terminai 6 volte sul podio e arrivai 5° in Classifica. Nel 2006 ci fu il passaggio in 250 con il Team Metis Gilera e con una moto ufficiale, fu una stagione difficile, piena di incomprensioni con il team ed il mio capotecnico. Chiusi la stagione 10° in generale con un sesto posto come miglior risultato. Per questo nel 2007 la Gilera mi tolse la moto ufficiale e mi assegnò una LE (una moto del 2005), i risultati non cambiarono molto dall'anno precedente ma la stagione fu nel complesso molto più positiva. Inanzitutto iniziai a lavorare con Aligi Deganello e alcuni dei ragazzi che ancora oggi dopo 5 anni fanno parte della mia squadra, oggi ho con loro un bellissimo rapporto. L'altra cosa buona fu che finalmente capimmo di avere un grande potenziale. Nel 2008 la Gilera mi riassegnò una LE (questa volta un po' più aggionata) anzichè la RSA ufficiale. La stagione partì di merda, con 2 zeri nelle prime 2 gare, ma nel gran Premio del Portogallo conquistai la mia prima Pole ed il mio primo podio ed al Mugello nel GP di casa la mia prima vittoria nella quarto di litro. A metà stagione poichè ero in testa al Campionato la Gilera mi diede finalmente la RSA ufficiale e da lì le cose si misero molto bene. Conquistai in totale 7 Pole, 6 Vittorie e 12 podi e il Campionato del Mondo con una gara di anticipo. L'anno seguente decisi di restare nella classe intermedia per bissare il successo del 2008. Le premesse c'erano tutte, ma una settimana prima dell'inizio del Campionato mi ruppì lo scafoide mentre mi allenavo con la moto da cross. Oltre a non prendere parte al primo Gran Premio, quell'anno lì ne succedevano di ogni e tutte le volte che sembrava fossi tornato in corsa per il Campionato o cadevo o qualche guaio tecnico mi impediva di portare a termine la gara. Ciò nonostante arrivai a giocarmi il titolo all'ultima corsa... Valencia. Per vincere io dovevo fare primo e H.Aoyama 13°. Ci sarebbe voluto un miracolo, ma i giochi non erano ancora chiusi. Il risultato fu che lui arrivò 7° e io caddì mentre ero in testa. Perciò fine dei canditi! Morale della favola arrivai addirittura 3° in classifica, nonostante 6 vittoie e 10 podi. Ah... nel 2009 ho anche partecipato al round italiano della superbike a Imola, per sostiure Nakano in sella all'Aprilia Superbike. Fu una grande giornata, cocnlusa con una caduta nella prima manche e un podio nella seconda. Quel giorno la gente sulle colline del circuito fece un gran tifo per me...lo ricordo ancora oggi fantastico!!! Il 2010 è stato l'anno del grande salto in MotoGp. Dopo tanti anni con il Gruppo Piaggio sono passato alla Honda nel team di Fausto Gresini. E' stato un anno molto impegnativo e difficile, perchè il livello della MotoGp è veramente alto. In più all'inizio io e la mia squadra (che mi ha seguito dalla 250) non avevamo esperienza e questo complicava ulteriormente le cose. Ma restando uniti e dando sempre il massimo siamo riusciti a fare una seconda perte di stagione sempre in crescendo e arrivando a ridosso dei miglliori. Alla fine sono arrivato 8° in generale ed ho ottenuto un 4° posto come miglior risultato (3° posto perso sul traguardo). Il 2011 per il momento è un anno molto positivo, perchè sono costantemente veloce come i migliori, anzi a volte anche di più! Però purtroppo non sono ancora riuscito a concretizzare questa mia velocità con un podio. State tranquilli..... io continuo a mettercela tutta!!! P.S. Rileggendo mi sono accorto di "avere una relazione complicata" con i tempi verbali... però non avevo voglia di riscrivere tutto!!! Accontentavi!! :)

CIAO SMONCELLI